Galleria video

Galleria fotografica

Le nostre aule

Laboratori

Laboratorio teatrale

Campo prove

Centro addestramento

Live stream

Dipartimento ricerca

Sedi Eraclitea Point

Verifica autenticità attestati

Progetti formativi

E-learning

Accreditamenti

Eraclitea point

Collana editoriale

Paga il tuo corso

Iscriviti ai corsi

Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE

 

Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE

 

Art. 1 - Costituzione, sede, durata

Il Centro "Eraclitea Ricerca" costituisce il "Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE".

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE avrà sede presso il Centro ""Eraclitea Ricerca" e sarà dotato di autonomi uffici e segreteria.

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE ha autonomia organizzativa, funzionale, scientifica, didattica e finanziaria e opera in regime di autofinanziamento e di NO PROFIT.

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE riconosce e adotta lo Statuto e i Regolamenti emanati e vigenti di Accademia Eraclitea.

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE fa capo ad un unico presidio centrale di ricerca, progettazione, monitoraggio e controllo.

Il GRUPPO DI LAVORO Ricerche per l'Impresa è costituito per la durata di 6 anni, ulteriormente prorogabili.

Nell'ottica di creare sinergie reali a livello europeo, il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE ha la possibilità di stipulare convenzioni con università estere che daranno vita nelle rispettive nazioni ad analoghi centri che opereranno secondo i parametri dettati dal Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE.

 

Art. 2 - Finalità

La crisi dell’impresa non è solo un elemento negativo. Trasformare la crisi in opportunità, in una nuova sfida, è la mission del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE.

Da tali considerazioni nasce la proposta di creare all’interno di Accademia Eraclitea un Gruppo di lavoro denominato APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE, un “laboratorio” interattivo con il territorio (istituzioni, centri di ricerca, università, camera di commercio e soprattutto Mercato), necessariamente aperto al dialogo sul piano nazionale ed internazionale, che si occupi di individuare tra i giovani, gli studenti e le P.M.I., quelle idee e quei progetti ritenuti interessanti per dar vita ad esperienze imprenditoriali, creare spin off e consolidare start up di quanti ne hanno necessità ma non capacità; il tutto ottimizzando le risorse disponibili, canalizzandole per favorire le start up o aumentare la competitività di quelle realtà già esistenti ma non sufficientemente solide per provare a introdurre sul mercato la propria idea o prodotto.

 

Art. 3 - Obiettivi

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE si propone come Gruppo di lavoro in ambiti strategici quali l’economia, il lavoro, la formazione, e la cultura d’impresa, con particolare attenzione rivolta alle start up ed alle spin off delle Piccole e Medie Imprese (P. M. I.).

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE ha tra i propri obiettivi:

1) Fare sistema nel mondo universitario e non  cercando una uniformità di linguaggio e idee a livello europeo;

2) Matchare le idee imprenditoriali innovative di giovani e studenti con le esigenze del Mercato;

3) Analizzare gli strumenti a disposizione delle imprese per prevenire e gestire la crisi;

4) Ricercare ed individuare soluzioni “mirate” all’inserimento dei giovani nel lavoro;

5) Creare nuovi metodi di apprendimento e ricerca;

6) Studiare, ricercare e introdurre nuove professioni e nuove facoltà universitarie;

7) Elaborare modelli di prevenzione, diagnosi e gestione operativa della crisi;

8) Creare un portale web multilingue che raccolga in un'unica sola banca dati, tutte le informazioni raccolte dal Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE attraverso il canale diretto delle proprie Commissioni e Ufficio Statistiche,e attraverso le relazioni esterne con il Mercato, il Sistema Universitario e gli Enti pubblici, fondazioni, associazioni. A questo si aggiungerà un forum aperto agli studenti o giovani interessati, dove potranno aprire discussioni, affrontare temi, proporre soluzioni, scambiarsi esperienze;

9) Sostenere le idee e attività ritenute meritevoli dalle Commissioni interne del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE, offrendo agli ideatori quattro possibili opportunità di sviluppo;

10) Creare sinergie con le Università, Enti Bilaterali e la Pubblica Amministrazione.

La sua attività sarà indirizzata principalmente:

1) Ad analizzare le cause più frequenti che determinano la crisi delle P.M.I., elaborando specifici modelli di classificazione dei dati e di lettura dei comportamenti;

2) Ad individuare i criteri e le linee guida per la scelta degli strumenti più adeguati per la composizione ed il superamento della crisi;

3) Ad analizzare la struttura giuridico - negoziale ed i contenuti gestionali, finanziari ed operativi dei piani di concordato (artt.160 ss., l.f.), degli accordi di ristrutturazione dei debiti, dei piani attestati di risanamento (art.67, comma 3, lett. d, l.f.), nonché della transazione fiscale (art.182-ter, l.f.);

4) Ad esaminare le nuove figure di “esperti” della crisi dell’impresa, che la riforma della legge fallimentare introduce in tutte le procedure, individuando le caratteristiche che tale figura deve possedere al fine di creare una categoria professionale, all’interno di quelle indicate dalle nuove disposizioni normative, adeguatamente dotata di competenze e capacità;

5) Ad esaminare in parallelo il ruolo del professionista dell’impresa, chiamato ad assistere l’imprenditore nel momento della diagnosi della crisi e della scelta dello strumento più appropriato;

6) A predisporre linee guida operative per la redazione dei suddetti piani ed accordi;

7) Ad applicare il know-how appreso nello start up delle Aziende;

8) Utilizzare al meglio l’Università come collettore di sinergie per i progetti aziendali proposti dai giovani imprenditori.

 

Art. 4 - Tutela delle idee

La tutela di ogni nuovo progetto protocollato al Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE sarà garantita legalmente attraverso apposito impegno sottoscritto tra le parti.

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE farà da garante affinché venga tutelata la riservatezza dei progetti e la loro originalità.

 

Art. 5 - Risorse

Le risorse per perseguire le finalità del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE sono: Accademia Eraclitea, Università italiane e straniere, Unione Europea, Istituzioni Pubbliche, Enti Locali, Camere di Commercio, Imprenditori, Poli tecnologici, Associazioni di Categoria, Albi professionali, docenze universitarie, studenti universitari. Le risorse saranno tutte coordinate e avranno un canale multi-direzionale di intervento e comunicazione.

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE, per meglio attuare la sua missione, si compone di due sottogruppi con mansioni specifiche e gestite autonomamente tra i quali:

1. SOTTOGRUPPO “OSSERVATORIO E RICERCA”

L’attività dell’osservatorio consiste nello specifico nella realizzazione di:

- raccolta ed elaborazione dati presso le risorse indicate (Accademia Eraclitea, Università italiane e straniere, Unione Europea, Istituzioni Pubbliche, Enti Locali, Camere di Commercio, Imprenditori, Poli tecnologici, , Associazioni di Categoria, Albi professionali, docenze universitarie, studenti universitari) per progetti di ricerca dedicati;

- incontri periodici tra tutte le risorse al fine di condividere i risultati dei progetti di ricerca effettuati e individuare le potenzialità emerse;

- nuovi corsi di laurea, master e corsi di specializzazione destinati alla creazione di nuove figure professionali specializzate;

- uno scambio dei risultati dei progetti di ricerca con le Università europee convenzionate;

- organizzazione di seminari, master, convegni di confronto e di sintesi sui risultati e sulle prassi operative.

2. SOTTOGRUPPO SVILUPPO AZIENDALE

L’attività del dipartimento è costituita:

- dalla realizzazione, sul piano imprenditoria e di mercato, dei risultati emersi dai progetti di ricerca svolti;

- dalla valutazione delle migliori potenzialità e capacità degli studenti universitari per poterle trasformare in possibilità di sbocco professionale e mentalità imprenditoriale;

- dalla ricerca e valutazione dei bandi e concorsi indetti dalle Istituzioni italiane e comunitarie, oltre che dalle camere di Commercio e/o altre istituzioni private e pubbliche;

- ricerca e valutazione delle possibilità concesse dalla normativa comunitaria, italiana e locale vigente per accompagnare e tutelare lo studente universitario nell’inserimento del mondo del lavoro;

- dalla creazione di commissioni specifiche e dedicate ai settori di intervento (quali a titolo
esemplificativo e non esaustivo: l’economia, il terzo settore, il welfare e la sanità, l’energia e l’ambiente, l’informatica e l’ingegneria, la moda e il turismo, l’agricoltura e l’artigianato, le relazioni internazionali e i sistemi giuridici), curandone il coordinamento e gli incontri tra i componenti delle stesse;

- dalla promozione della cultura universitaria e dell'innovazione e la competitività dell’imprenditoria del territorio e comunitaria;

- dalla promozione dell’inserimento dello studente universitario nel mercato, anche con la nascita di nuove imprese con validata potenzialità, creando sinergia e stimolo reciproco tra i giovani studenti e imprenditoria;

- e per l’effetto trasformando le idee degli studenti universitari in imprese e così divenire la piattaforma ideale per lo sviluppo delle conoscenze/competenze maturate nell’Università nell'economia globale della conoscenza (knowledge based economy).

3. COMMISSIONI TEMATICHE

Entrambi i sottogruppi creano al loro interno delle commissioni tematiche dedicate a supporto della loro missione.

I Coordinatori e componenti dei dipartimenti sono nominati dall'amministratore unico di accademia Eraclitea.

 

Art. 6 - Soggetti Coinvolti

Alla realizzazione delle attività del Centro potranno partecipare, come meglio spiegato negli articoli che seguono:

- Università straniere, atenei Italiani e loro personale docente o ricercatori;

- Docenti e-Campus e loro collaboratori;

- Professionisti;

- Unione Europea, Enti Locali e Istituzioni;

- Poli tecnologici;

- Operatori economici;

- Associazioni di categoria;

- Aziende affermate a livello internazionale.

 

Art. 7 - Organi del Gruppo di lavoro

Sono organi del Gruppo di lavoro:

1) Direttore scientifico;

2) Coordinatore operativo;

3) Coordinatori dei Sottogruppi;

4) Commissioni.

La durata degli organi è triennale, con possibilità di rielezione.

La cessazione anticipata della carica, per qualsiasi motivo, di un rappresentante degli organi del Gruppo di lavoro non pregiudica la durata ordinaria dell’organo stesso e comporterà la nuova nomina di altro componente. Nelle more di una nuova nomina, assumerà l’incarico ad interim il Coordinatore Operativo.

 

Art. 8 - Direttore Scientifico

Il Direttore Scientifico del Gruppo di Lavoro è nominato dall'amministratore unico.

Il Direttore Scientifico permane in carica per la durata di 3 anni, ha la rappresentanza del Gruppo di lavoro.

Il Direttore Scientifico predispone il programma delle attività di ricerca, lo schema di bilancio preventivo e di rendiconto consecutivo, redige la relazione annuale sulle attività di ricerca svolte nel Gruppo di lavoro.

 

Art. 9 - Coordinatore operativo

Il Coordinatore Operativo, nominato dal Direttore scientifico, rimane in carica per 3 anni e provvede a dare attuazione al programma annuale delle attività di ricerca stabilite con il Direttore scientifico.

Il Coordinatore Operativo promuove tutte le attività dei sottogruppi e ne coordina i servizi, ordina quanto occorre al suo funzionamento e sovrintende alla sua amministrazione.

Il Coordinatore Operativo ha la facoltà di stipulare convenzioni con Università, Aziende o Professionisti per lo sviluppo e il consolidamento del Gruppo di lavoro.

Il Coordinatore Operativo gestisce e coordina i rapporti con tutti i soggetti coinvolti.

Il Coordinatore Operativo avrà la facoltà di meglio disciplinare la composizione, funzionamento e coordinamento delle Commissioni anche a mezzo emanazione di appositi Regolamenti attuativi del presente Statuto.

 

Art.10 - Coordinatore di Dipartimento

Il compito dei Coordinatori dei sottogruppi è quello di gestire al meglio il sottogruppo assegnato, valorizzando e coinvolgendo i componenti e relazionando ogni tre mesi il Direttore Scientifico e l'amministratore unico.

I Coordinatori hanno la facoltà di individuare due collaboratori fiduciari, e di creare delle Commissioni tematiche, per l’ottimizzazione del lavoro da svolgere previa conferma del Direttore Scientifico e del Coordinatore Operativo.

 

Art. 11 - Ricercatori

Al Gruppo di lavoro possono collaborare:

1) Professori e ricercatori universitari, i quali facciano espressa richiesta di partecipare alle attività del Gruppo di lavoro, previa valutazione della richiesta stessa ed accoglimento da parte dell'amministratore unico e del Direttore scientifico.

2) Professionisti ed esperti di fama nazionale e internazionale negli ambiti scientifici di interesse del Gruppo di lavoro, sempre previa valutazione del Direttore scientifico.

 

Art. 12 - Uffici e fonti di finanziamento

All’interno di Accademia Eraclitea sono creati degli uffici dedicati al Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE con possibile personale dipendente dedicato già assunto o da assumere da parte di Accademia Eraclitea.

La realizzazione dei fini del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE comporterà la costituzione di uffici nella sede di Accademia Eraclitea:

- Comunicazione e Stampa (dedicato al marketing verso l’interno e l’esterno tutti i contatti del Centro, creazione di un portale dedicato al mondo della ricerca e sviluppo, pubblicazioni tematiche, newsletter e proporre altri canali comunicativi tra i quali Facebook, Twitter, Linkedin, ecc., gestire e coordinare conferenze stampa e comunicati);

- Relazioni Comunitarie e Internazionali, (potenziamento di quello esistente) con Università straniere e imprenditoria estera (dedicato ad approfondire i rapporti e relazioni con il mondo comunitario ed estero, volto a studiare e ricercare convenzioni e intese con Università estere/Camere di Commercio estere e il mondo dell’imprenditoria estera, ricercare accordi per scambi tra studenti universitari prossimi alla laurea, formare start-up e Venture Capital (dedicato a studiare i formati di business plan da proporre agli studenti universitari per promuovere le proprie idee imprenditoriali, vagliare le proposte imprenditoriale e identificare le migliori aventi potenzialità di successo, strutturare l’intervento per agevolare la formazione e crescita delle idee meritevoli in imprese);

- Bandi, concorsi e agevolazioni (dedicato alla ricerca dei bandi, ecc. esistenti, individuarne le aree di pertinenza e destinazione, redigere i business plan e modulistica per l’accesso ai bandi/concorsi e agevolazioni per gli studenti, curarne il buon esito della domanda ed eseguire tutte le formalità necessarie e connesse).

Il Gruppo di lavoro svolge le sue attività per il raggiungimento degli obiettivi proposti, con l’obiettivo dell’autofinanziamento, avvalendosi di risorse provenienti da:

- Contributi di accademia Eraclitea;

- Finanziamenti pubblici;

- Attività per conto terzi;

- Convenzioni e contratti;

- Sponsorizzazioni;

- Corrispettivi della vendita di pubblicazioni;

- Contributi di iscrizioni e partecipazione a iniziative scientifiche o formative realizzate dal Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE;

- Contributi individuali;

- Donazioni.

Un apposito Regolamento sarà emanato per disciplinare in dettaglio gli strumenti di finanziamento e le risorse del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE.

 

Art. 13 - Scioglimento del Gruppo di lavoro

Lo scioglimento del Gruppo di lavoro avviene alla scadenza prestabilita dall’Art.1, salvo non venga previsto scioglimento anticipato da parte dell'amministratore unico.

 

Art. 14 - Prosecuzione delle attività

Non meno di sei mesi prima della scadenza finale dettata dall’Art. 1, l'amministratore unico può deliberare la prosecuzione dell’attività del Gruppo di lavoro oltre le suddette scadenze, stabilendone una ulteriore.

 

Art. 15 - Norme finali

Eventuali modifiche al presente Statuto possono essere proposte e successivamente approvate dall'amministratore unico.

 

Art. 16 - Convenzione con Università straniere

Il Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE ha la facoltà di stringere convenzioni con Università straniere interessate a partecipare al progetto come soggetti capofila per la propria nazione di riferimento.

L'Università che assumerà questo ruolo avrà l'obbligo di far proprio lo statuto del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE, seguendo le stesse linee guida dettate dal Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE che, pur cedendo la proprietà intellettuale del progetto, essendo ente promotore, manterrà il ruolo di coordinamento internazionale tra gli Atenei e con l'Unione Europea.

Eventuali modifiche o integrazioni allo statuto, proposte da Università straniere convenzionate, saranno preventivamente valutate dal Direttore Scientifico del Gruppo di lavoro APPRENDIMENTO E SVILUPPO CULTURALE.

 

 

Contatto

 

CONTATTACI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI

 

 

ALCUNI NOSTRI CLIENTI

CONTATTI

Indirizzo: Viale della Libertà, 106, 95129 Catania
Tel: +39 095 449778
Fax: +39 095 2246113